Paolo Vitali & Sonja Brambati
Larioclimb | Larioski | Bike | Qualido | Val di Mello | Masino-Bregaglia
Scialp | Alta Valtellina | Lecchese |Viaggi-Trips | Bibliografia |
@mail

LARIOCLIMB - Climbing around the Lake of Como

SCIALPINISMO INTORNO AL LARIO
PREALPI LECCHESI - VALSASSINA
C1.CIMA DI PIAZZO 2057m - MONTE SODADURA 2010m
dai Piani di Artavaggio o dalla strada della Culmine di S. Pietro (LC)
PHOTO GALLERY  Versione stampabile PDFApri con Google Earth

Profilo Altimetrico
Cima di Piazzo e Monte Sodadura dalla Culmine
Clicca per ingrandire

Versante Ovest del M.Sodadura da Artavaggio
Tranquilla escursione senza particolari pericoli su terreno molto vario: vallette ombrose, dorsali panoramiche e pendii aperti che regalano divertenti sciate. Il giro proposto forse pi valido sciisticamente, ma pu essere percorso anche in senso inverso con uguale soddisfazione; la partenza dalla strada della Culmine aggiunge dislivello ma decisamente noiosa. Con neve abbondante, anche possibile salire direttamente da Moggio, per un sentiero ripido e stretto nel fitto bosco, difficilmente sciabile. 

Periodo
Pieno inverno – primavera.

Accesso 
Da Lecco salire a Ballabio (dir. Valsassina) e proseguire per Taceno-Introbio; al Colle di Balisio 723m seguire a dx per Barzio fino a Cassina, dove si svolta ancora a dx salendo a Moggio ed al parcheggio della funivia per i Piani di Artavaggio. Da qui si pu proseguire per il Passo della Culmine di S. Pietro - Vedeseta parcheggiando all’imbocco di una sterrata a sx a q. 1220m circa; pochi spazi.

Percorso
Dall’arrivo della funivia (q. 1650m) portarsi al vicino Rif. Castelli 1649m e scendere verso sx al Baitello del Vallone 1502m. Messe le pelli di foca, si sale per valloncelli aggirando a sx il salto roccioso su cui posto il Rif. Cazzaniga 1889m, continuando verso Nord per superare un ripido canalino ed un ultimo pendio fino alla Cima di Piazzo 2057m. Ritornati alla base del canalino, si raggiunge la cresta NW della Sodadura che porta in vetta a 2010m (ultimo tratto sci in spalla). Scendere per il costone SW fino alla Forcella d’Artavaggio rientrando infine alla funivia. Con neve sicura possibile, dopo il primo tratto di cresta, scendere a dx sul versante W per pendii pi interessanti. La discesa diretta dalla cima riservata agli Ottimi Sciatori (con neve sicurissima): all’inizio 45 circa, con un breve gradino ancora pi ripido (50). Effettuando il giro al contrario, dal Rif. Cazzaniga conviene scendere direttamente dalle vecchie piste. Partendo dalla strada della Culmine, si segue lungamente una strada sterrata che porta ai Piani di Artavaggio.

Cartografia
KOMPASS 1:50.000, foglio 105, Lecco - Valle Brembana
 
Versione stampabile PDF




Testi, disegni e immagini: Copyright    2009-2020  www.paolo-sonja.net

.
Accessi alla pagina SCIALP
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja