Paolo Vitali & Sonja Brambati
Larioclimb | Larioski | Bike | Qualido | Val di Mello | Masino-Bregaglia
Scialp | Alta Valtellina | Lecchese |Viaggi-Trips | Bibliografia |
@mail


Pizzo Canciano 3103m - (Pizzo Scalino 3323m) 
da Poschiavo (CH)


Note: gite già abbastanza lunghe, ora ancor più per via della chiusura della strada che porta a Selva per franamento, in compenso l'esposizione garantisce una neve spesso polverosa, ambiente e vista garantite.
Q. partenza: 1030m
Dislivello: 2100+50m
2320 x il Pizzo Scalino
Orientamento: NE
Tempo: 5h 
Accesso stradale: da Sondrio a Tirano, proseguire per il Passo del Bernina e oltreppasare la dogana svizzera. Dopo Le Prese, alla frazione Li Curt di Poschiavo (980 m), deviare a sinistra seguendo le indicazioni per un campeggio quindi subito a sinistra per Selva. Generalmente si arriva fino a Selva (1400 m) in macchina, ma quest'anno la strada è chiusa per via di una frana, per cui si parcheggia la macchina al primo tornante.
Nel caso la strada fosse riaperta fino a Selva si risparmiano 400m di dislivello.
Percorso: raggiungere Selva seguendo la strada (possibilita' di tagliare alcuni tornanti), da qui salire in direzione NO fino a Somprai  (1553m) al limite del bosco, dove si incontra la strada per Quadrada. Seguirla fino al primo tornante e di qui il sentiero estivo (cart. indicatore) sempre verso destra (NE) fino a ritrovare la strada che si segue brevemente fino ad incontrare il sentiero per il Pass da Cancian (cart. indicatore). Seguire il sentiero fin dove diventa piano in un caratteristico anfiteatro (Bosch da Caral), piegare a sinistra (SO) risalendo il boscoso crinale tra la Val Caral e la Val Cancian fino al limite del bosco dove si imbocca la parte alta della Val Caral. Risalire quest'ultima puntando all'evidente torrione calcareo del Turiglion da Cancian (2509m), lasciarlo alla propria destra, evitare i ripidi pendii diretti salendo con un giro più ampio a sinistra e raggiungere la base di un ripido pendio posto a destra della q.2804 della cresta NNO del Piz Cancian (l'enorme bastionata rocciosa che domina tutta la valle). Salire il pendio a secondo dell'innevamento (attenzione!), noi abbiamo puntato alle roccie al limite destro del canale quindi verticalmente togliendo gli sci l'ultimo tratto; si  accede così alla Vedretta dello Scalino. Seguire a sinistra la vedretta puntandoinizialmente al colle dello Scalino, giunti in un tratto quasi pianeggiante piegare decisamente a sinistra risalendo il ghiacciaio fino alla sella q.3021 sulla cresta spartiacque. Seguire la cresta O fin dove possibile con gli sci e poi a piedi per facili roccette fino alla cima.Se la cresta presenta cornici piegare invece a destra per raggiungere l'evidente quota rocciosa di pochi metri più bassa. Per il Pizzo Scalino proseguire invece fino al colle e di qui a piedi per la cresta fino in cima.
Questo percorso è segnato come "tratteggiato" per la discesa sulla cartina svizzera, il percorso più abituale dall'anfiteatro del Bosch da Caral piega subito a destra e raggiunge per dossi e vallette il Pass da Cancian, e di qui a sinistra fino a immettersi sulla vedretta dello Scalino.
Discesa: per l'itinerario di salita.
Cartografia: CNS 269S 1:50000 Passo Bernina. 

Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  Paolo Vitali - www.paolo-sonja.net