Groenlandia - Greenland 1996
Le vie esistenti e le nuove possibilità (giugno 1996)

Dal campo base appena descritto potrete raggiungere un nutrito circolo di pareti: 
  • Gli ultimi tiri sul pilastroLa Pyramide: presenta un facile pendio nevoso esposto a est, una parete a sud-est ed uno spigolo a sud-ovest. Lo spigolo sud-ovest e' stato salito in giornata dal campo base dell'Ulamertorsuaq nel 1988 da Christian Dalphin, Edgard Oberson e Maillard; si presume sia stata salita anche la parete sud-est, forse da una cordata dei paesi nordici, ma non possediamo dati precisi; il facile pendio est e' stato probabilmente usato per la discesa in piu' occasioni, la nostra salita nel giugno '96 non e' sicuramente la prima.
  • Il Ketil: davvero imponente, offre da questo versante una parete di dimensioni ridotte rispetto alla gigantesca parete ovest, gia' percorsa da tre vie, che però è raggiungibile solo dalla valle immediatamente ad occidente della nostra. Le vie sulla parete ovest sono da sinistra a destra: nel 1975 la via dei francesi guidati da Maurice Barrat; nel 1984 per Christian Dalphin, Michel Piola, Nicolas Schenkel, partecipava alla spedizione anche Bernard Wietlisbach; nel 1979 per Christian Dalphin, Bernard Wietlisbach, Bernard Paschet, Herve' Magnin.
  • Torre RVDMLe tre torri a nord del Nalumasortoq: la piu' occidentale delle tre e' denominata RDVN (1500m), ed e' stata salita per l'evidente spigolo nord-occidentale nel 1975 dai francesi Chapoutot, Gorgeon e Lemoine (600 m - TD+). Le altre due non sono ancora state salite; la torre piu' a nord-est viene anche considerata come cima nord del Nalumasortoq.
  • Il Nalumasortoq: risulta essere un esteso complesso di cime e pareti. Tutte le sue cime sono collegate da una affilata cresta. La cima nord presenta un bel pilastro affusolato simile per forma all'Ulamertorsuaq ma piu' breve. Non e' mai stato salito ed e' facilmente raggiungibile dal ghiacciaio ad ovest dei verticali pilastri dello stesso Nalumasortoq. La cima sud presenta una bella parete inclinata ad est dei pilastri che e' stata salita nel 1975 dai francesi Domenech, Gorgeon e Guillot (1000 m - TD).
  • I tre pilastri del Nalumasortoq: una via britanica del 1995 sale quello di sinistra (c. 500 m - E4 A2 della scala britannica),  "Cheese finger at 3 o'clok" (550m - 6b A3) supera quello centrale mentre il pilastro di destra e' stato tentato per la prima volta nel 1996 dai gallesi Nigel Shepherd e Ian Wilson, che sono saliti per sette lunghezze (max 6c) prima di ritirarsi per un incidente. Contano di tornare a finire l'opera nel 1997.
  • Sul ghiacciaio orientale si trovano due magnifici cupoloni di granito, che promettono entusiasmanti arrampicate in placca, mentre risalendo gli ampi canali che delimitano le due cupole si intravedono innumerevoli torri e pilastri ancora tutti da scoprire.
  • Il versante ovest dell'Ulamertorsuaq: risulta essere il piu' velocemente raggiungibile, con il campo base direttamente sul fiordo, e presenta un pilastro di circa 900 m con, da sinistra a destra, le seguinti vie: Magic Tromblon, nel 1977 per Agier-Payrau-Vigier  6b A3; Moby Dick, nel 1994 per Albert-Gargitter-Glowacz-Gotz-Langen-Masterson 7c+ A1; Geneva Diedre, nel 1983 per Dalphin-Piola-Probst-Wietlisbach 6b A4; Quadrophenia, nel 1995 per Cavagnetto-Motto-Piola-Ravaschietto 6c A4.
  • Due cordate, una dal Galles e l'altra dalla Francia, stavano tentando nel giugno '96 altre due vie nuove sulla parete.
  • La cima principale dell'Ulamertorsuaq (1880 m) e' stata salita la prima volta dal versante sud-est nel 1975 dai francesi Domenech, Guillot e Laurendeau per un couloir ghiacciato e successiva cresta (900 m - 55° e 5+). La cima nord della stessa montagna (1830 m) e' stata salita nello stesso periodo da Agier,Amy, Walter ed i fratelli Lemoine per il couloir nord e cresta est (900m - 45° e 4+).

Previous
Photo Gallery