Svizzera - Alpi di Uri - Klausen Pass
Click the image to enlarge it
disegno di Pietro Corti
Il Chli Glatten a sinistra e la Hinter Glatten a destra viste dalla discesa scialp del Clariden
La zona del Passo Klausen presenta lunghe bastionate esposte a Sud di ottimo calcare, che offrono bellissime salite dai 150 ai 300 metri circa con attrezzatura sicura a fix e comode calate, dall’accesso semplice e breve (meno di un’ora dall’auto), immerse in un’ambiente da favola al cospetto dei ghiacciai del Gruppo del Todi. Sui numerosi itinerari di arrampicata moderna è richiesta una buona padronanza del grado obbligato, ed una certa esperienza per le discese in doppia dalle vie. Rientrati alla base, inoltre, vale la pena di farsi una buona birra sulla terrazza dell’Hotel Klausen, per godersi lo splendido panorama. Si può arrampicare da giugno, quando apre la strada per il passo (per informazioni: Info-route TCS 0041.868800163) fino ad autunno inoltrato, tenendo presente però che già da fine settembre può nevicare.
Accesso da Como-Chiasso: autostrada Chiasso-Lugano-traforo del Gottardo; usciti dal tunnel si percorrono altri 30 km uscendo quindi ad  Altdorf Sud. Raggiunta questa cittadina, si svolta a dx per il Klausenpass (indicazioni) risalendo la splendida Schachental fino all’Hotel Klausenpass, posto circa 1 km e mezzo prima del passo. Circa 30 km da Aldorf.

Per il CHLI GLATTEN (2.350 m circa) parcheggiare negli ampi spiazzi presso l’Hotel e proseguire a piedi verso il Passo per qualche centinaio di metri, salendo poi a sx lungo la seconda sterrata fino ad un vicino alpeggio. Da qui seguire un sentiero a bolli rossi tendendo poi a dx, verso un’evidente pilastro giallo segnato in alto da fasce di strapiombi. A sx del pilastro sale HARZ-BLUAT; sul pilastro sale POKER e, a dx di quest’ultimo, sopra un piccolo zoccolo roccioso, partono STARNTALER e TRABANT. 40 minuti.
Seguendo i bolli rossi verso sx invece si va al settore delle vie classiche SUDPFEILER e VESPER.

Per l' HINTER GLATTEN (2.230 m) raggiunto il passo Klausen (1.948 m), si scende sul versante opposto per meno di 1 km, parcheggiando in una piazzola all’interno del primo tornante. Ora salire per prati sempre più ripidi senza una traccia definita, fino alla conca detritica alla base dell’evidentissima parete. 50 minuti.
Attenzione: per l’Hinter Glatten, e soprattutto per la via EINBAHNSTRASSE, bisogna evitare i periodi immediatamente successivi alle piogge. Inoltre, in primavera, la neve di fusione sulla cima può giocare brutti scherzi (leggi: cascate d’acqua che spuntano all’improvviso da metà parete uscendo da chissà dove…)
DOCUMENTAZIONE: SCHWEIZ EXTREM – KALK  Jurg von Kanel  -  Edition Filidor 1994 - www.filidoor.ch
Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  larioclimb.paolo-sonja.net