LARIOCLIMB - Climbing around the Lake of Como

SCIALPINISMO INTORNO AL LARIO
MESOLCINA - LARIO OCCIDENTALE
D8.MONTE TABOR 2079m
dal Ponte delle Seghe, Garzeno (CO)
RELAZIONEVersione stampabile PDFClicca per scaricare il gdb GARMIN della gitaApri con Google Earth
Bookmark and Share PHOTO GALLERY
7/12/2008 
Monte Tabor 2079m dalla strada (780m) che dal Ponte delle Seghe porta a Ponte, Dongo (CO)
Alla ricerca della polvere l'ombrosa valle a nord di Bregagno Marnotto e Tabor sembrava proprio fare al caso nostro... e così è stato! Il Monte Tabor lo avevamo salito dal Ponte delle Seghe, sfruttando il primo tratto di percorso al Marnotto e passando per il Passo d'Aigua. Una strada sterrata verso la frazione di Ponte permette un intinerario alternativo, poco intuibile ma molto bello. Un poco di crosta nella parte più alta e più bassa, mentre il tratto centrale era veramente bello. PHOTO GALLERY
Relazione
Profilo Altimetrico
Clicca per ingrandire
Monte Tabor
Gita poco frequentata ma decisamente interessante, da percorrere con condizioni sicure e buona visibilità: nella parte alta infatti l’itinerario non è molto intuitivo. L’esposizione a nord mantiene la neve fresca per lunghi periodi, e le ottime pendenze garantiscono una gran bella sciata.

Periodo
Pieno inverno, inizio primavera.

Accesso 
Da Como o da Lecco-Colico raggiungere Dongo e salire a Garzeno, dove si imbocca la stradina per il Ponte delle Seghe fino al piccolo parcheggio sopra la diga del torrente Albano. Continuando per la strada in piano e poi in leggera discesa (non sempre sgombera dalla neve) si arriva al torrente dove si lascia l’auto: località Ponte delle Seghe, 654m.

Percorso
Oltrepassare il ponte successivo e salire lungo una sterrata a stretti tornanti, molto ripida, fino al tornante a dx a q. 780m (spesso raggiungibile in auto). Da qui seguire la mulattiera in piano a sx che passa per un primo gruppo di baite e poi per Ponte 858m e Monte Madee. Continuare verso dx; a quota 1100m circa si lascia la mulattiera e si sale lungo il sentiero a monte e quindi per prati stando a sx di una zona boscosa. Al limite inferiore di una fascia di arbusti si obliqua a dx fino ad una  piccola conca con baita, dominata dal Dosso di Gromo 1755m, sormontato da una croce. Aggirare a dx il dosso successivo con un traverso ascendente per poi salire verso sx su un ripido sperone e quindi in obliquo a sx su pendii aperti (attenzione) raggiungendo il pendio finale. Risalirlo fino alla facile dorsale sommitale che porta al Monte Tabor 2079m.

Discesa
Per l’itinerario di salita. Appena sotto la cresta è possibile, solo con neve sicura, scendere diritti per ripide vallette fino a ricongiungersi alla traccia di salita presso la conca sotto il Dosso di Gromo.

Cartografia
CNS 1:50.000 Menaggio foglio 287; CNS 1:25.000 Porlezza foglio 1334
KOMPASS n°91 1:50.000 - Lago di Como, Lago di Lugano; Lago di Como 1:35.000 ZetaBeta
 
Versione stampabile PDF


Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  2008-2011  www.paolo-sonja.net
Accessi alla pagina SCIALP
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja