LARIOCLIMB - Climbing around the Lake of Como

SCIALPINISMO INTORNO AL LARIO
PREALPI LECCHESI - VALSASSINA
A3.MONTE DUE MANI 1667m
da Ballabio (LC)
Vedi anche la gita dalle Casere di Maggio
Photo-Gallery  Versione stampabile PDFClicca per scaricare il gdb GARMIN della gitaApri con Google Earth
Bookmark and Share  
La Grignetta dal Monte Due Mani
Grignetta dal Monte Due Mani
Zucco di Desio e M.Due Mani dai Piani Resinelli
Zucco di Desio a sx e M.Due Mani a dx dai P.Resinelli
Una chicca (o una chiavica, a seconda dei punti di vista), relativamente complessa e percorribile per poche giornate all’anno solo in stagioni particolarmente nevose, questa gita può risultare comunque interessante sui pendii al di sopra dei prati di Bongio. La cresta finale non è banale, e presenta tratti esposti su roccette; vanno inoltre valutate le condizioni del canalone sotto la cima.

Periodo
Pieno inverno.

Accesso 
Da Lecco salire a Ballabio (dir. Valsassina), percorrere la Via Provinciale e voltare a dx in Via Aldo Moro che si segue fino in cima ignorando la deviazione a dx. Parcheggiare in uno spiazzo a q. 660m.

Percorso
Imboccare il largo sentiero n.34 che in circa 15 minuti porta ai prati della Baita di Bongio. Continuare a dx passando per la “baita degli gnomi” ed un caratteristico bosco di betulle, oltre il quale si piega decisamente a sx salendo quindi per pendii in parte boscosi fino ad una selletta panoramica. Salire ora a sx immettendosi nel primo canalino che porta ad una dorsale e poi in cresta, che si segue lungamente sci in spalla con molta attenzione fino in cima al Monte Due Mani 1667m, dove è posto il Bivacco Locatelli-Scaioli-Milani presso la croce. Oppure: dalla selletta compiere un lungo diagonale a sx sotto le cresta fino ad un ampio canalone che si risale fino in vetta. 

VARIANTE DELLA VAL TRESONZO

Interessante alternativa sugli ampi pendii con rade betulle al limite destro del versante SW, dove la neve si conserva un po’ più a lungo.

Accesso 
Da Lecco salire a Ballabio (dir. Valsassina) e, appena prima del rettilineo, voltare a dx per Morterone parcheggiando a lato della strada subito dopo il primo tornante verso dx.

Percorso
Cento metri oltre il tonante prendere il sentiero presso lo sbocco della galleria di servizio, e seguirlo finchè il bosco si dirada. Continuare avvicinandosi alla cresta, poi obliquare lungamente a sx fino a trovare il passaggio migliore tra roccette e betulle per raggiungere la cresta che si segue fino in cima.

Discesa
Per l’itinerario di salita, seguendo la cresta a ritroso; da Bongio a Ballabio quasi sempre sci in spalla. Oppure: scendere nel canalone sotto la vetta fino dove questo si restringe (non proseguire oltre: salti rocciosi!). A questo punto: 1) seguire una traccia in diagonale a dx fino ad una baita nei pressi dei piloni dell’alta tensione; da qui un sentiero con qualche sali-scendi riporta alla Baita di Bongio. 2) Risalire alla sella panoramica e scendere alla Baita di Bongio.

Cartografia: KOMPASS 1:50.000, foglio 105, Lecco - Valle Brembana
 
Versione stampabile PDF


 Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  2009-2016  www.paolo-sonja.net
Accessi alla pagina SCIALP
Accessi alla Homepage Paolo&Sonja