MONTE FOSCAGNO 3058m
da Arnoga, Valdidentro - Alta Valtellina (SO)
Photo Gallery - Profilo Altimetrico -Clicca per scaricare il file gpxApri con Google Earth
Q. partenza: 1850m
Dislivello
Sviluppo
Orientamento
Tempo
Map Datum WGS 84
N46 27.574 E10 14.571
Monte Foscagno 3058m da E-NE
1200 m
12 km
SE-E-NE
3-4h
N46 27.995' E10 12.346'
Monte Foscagno 3058m da S
1200 m
12 km
S-SE
3-4h
N46 27.995' E10 12.346'

La salita dal versante E-NENote: Stesso punto di partenza, due possibili gite alla stessa montagna. Entrambe richiedono neve assestata. Generalmente piu' semplice da sud.
Da E-NE l'itinerario semplice fino all'ultimo tratto, dove la pendenza si fa elevata, e il canalino finale puo' presentare anche roccette e qualche difficolta' alpinistica (servono ramponi, qualche volta la picozza).
 
Accesso stradale: Da Bormio verso Livigno fino al tornante di Arnoga. Appena prima del tornante sulla destra c'e' un parcheggio libero.
Percorso da E-NE: salire diretti i prati iniziali fino ad una baita al limite del bosco. Attraversare il bosco inizialmente ripido presso una valletta ed uscendone a destra. Dopo il bosco quando il terreno si fa piu' dolce cominciare ad andare a sinistra (ovest), e continuare lungamente per dossi e vallette fino ad un evidente colle. Scendere brevemente nella conca che ospita un laghetto estivo, quindi salire a destra un ripido pendio fino ad una sella circa a quota 2900m. Dalla sella occorre spostarsi a destra per entrare nel canale E-NE diretto alla cima. Questo diventa molto ripido nella parte terminale con possibili rocce affiornati, occorrono ottime condizioni per percorrerlo. Se il canale e il pendio finali sono troppo carichi in alternativa possibile salire il valloncello a sinistra meno ripido; se anche questo fosse pericoloso possibile arrivare a questo punto seguendo la dorsale a sinisra dal colle prima del laghetto; oltre si continua ancora un centinaio di metri fino alla bariera rocciosa (2995m), quando ben innevato possibile ricongiungersi al canale sud che sale dalla Val Viola. 
Percorso da Sud: Percorrere la stradina della Val Viola per circa 1 km, fino alla ripida salitella dove sulla destra si dirama la mulattiera per le baite di Sattarona. Seguirla fino alle baite, quindi cominciare a salire in direzione nord per bei pendii e vallette. A quota 2840, all'inizio dell'ultima conca sotto il Monte Forcellina, non entrare nella conca ma salire direttamente per un evidente canale con una strettoia iniziale. Il canale conduce ad un colletto da cui si percorrono gli ultimi 50 m a piedi.
Discesa: per l'intinerario di salita.
Cartografia: KOMPASS 072 Parco Nazionale dello Stelvio 1:.50.000 


Mappa ricavata da Openmtbmap.org

26/01/2017  Monte Foscagno 3058m dalla Val Viola per il canale Sud
Pochi giorni fa eravamo saliti dal canale NE, dalla cima abbiamo visto il canale sud ancora in buone condizioni, e cosi' oggi continuiamo la serie di gite a Km (quasi) 0.
Per la prima volta quest'anno le nostre non sono le uniche tracce, almeno in salita, in discesa invece sotto il canale spostandoci un po' verso est abbiamo trovato terreno ancora completamente intonso, e buona neve!
21/01/2017  Monte Foscagno 3058m da E
 
Siamo partiti dal tornante di Arnoga, ma nel bosco occorre togliere gli sci, meglio eventualmente partire piu' alti e costeggiare la Motta Grande.
Il canale in buone condizioni, ma non va caricato in un gruppo di persone, noi eravamo solo due. Dal colletto in cima al primo ampio canalone sono necessari i ramponi per salire gli ultimi 150m in un canalino ripido nascosto alla vista dal basso. Gli ultimi 20m in comune con il percorso che sale dalla Val Viola. Al sole in basso la neve comincia a rovinarsi per il sole che inizia a scaldare.!
 
01/01/2014  Monte Foscagno 3058m da E
Visto la bella neve di ieri alla Motta Grande siamo tornati in zona.
Avevo sciato questo percorso per il canale est del M.Foscagno un paio di decenni fa (sigh!), oggi sapevo che difficilmente saremmo potuti arrivare in cima, anzi non speravo neppure di arrivare cosi' alti, ma le condizioni erano meglio del previsto. Anziche' salire al colle est per affrontare l'ultimo canale ripido abbiamo provato a seguire a sinistra la cresta sud-est, che va pero' a morire contro una barriera rocciosa. L'ulteriore traverso a sinistra per portarsi sul versante sud-ovest (quello che guarda la Forcellina) era troppo carico, cosi' ci siamo fermati alla fascia rocciosa a quota 2995m. Anche dal versante sud-ovest comunque per salire in vetta vi sono difficolta' alpinistiche.
Discesa diretta nella conca est in polvere da favola, che rimasta tale fino alla macchina!
   
Testi, disegni e immagini: Copyright    2008-2017  Paolo Vitali - www.paolo-sonja.net