Clicca per ingrandire
Monti Altai
Siberian skialp
Valle dell'Aktru
Versione stampabile Clicca per scaricare la topos da stampare 
Photo-Gallery
Video
Clicca per ingrandire
  
Aprile ‘14: una settimana di scialp in Siberia sud-occidentale nella remota Valle di Aktru.
Aktru west (4007 m) – Q3242 – Kupol (3556 m) – Radistov (3634 m) – Uchitel (3190 m)
 
Clicca la foto per ingrandirla

Agosto ‘13: Pedalando nelle regioni più occidentali della Mongolia mi era balenata l'idea di un viaggio scialp sui 4000 di quelle lande remote, le montagne dell'Altai, avevo pure adocchiato qualche possibile obbiettivo, ma la logistica dell'accesso con le tende rimaneva un problema. 
Gli Altai si protendono però anche in Russia e Kazakhstan, e così finalmente troviamo un'improbabile strada che dà accesso ad un campo di chalet nella valle del gruppo dell'Aktru (4044m), anche se non troviamo report di altri sciatori in zona decidiamo di provare questa nuova esperienza.  
Comincia cosi' l'ideazione ed il lungo lavoro di preparazione della nuova avventura scialpinistica per il 2014, ma il tempo vola, e in men che non si dica ci ritroviamo il 6 aprile ’14 al piccolo scalo aeroportuale di Gorno-Altaysk, la piccola capitale della Repubblica dell'Altai, regione autonoma della Russia. Ci accolgono Valery, Tatiana e Anastasia, che ci accompagneranno ed aiuteranno nel nostro viaggio fino al Campo; Tatiana (Tania) parla un po’ di Italiano e sarà la nostra interprete.  
Ci attende un tempo uggioso, che rende il paesaggio siberiano per i quasi 400 km di strada fino a Kuray un po' cupo e triste. La strada però è buona, ci fermiamo per la registrazione del visto turistico e la colazione, più avanti per uno spuntino; di tanto in tanto attraversiamo qualche paesino di case di legno e stalle, ma non realizziamo bene come si possa vivere qui con temperature che d'inverno scendono sotto i meno 40°C!  
A Kuray trasbordiamo dal pulmino sullo ZIL 131, un enorme mezzo militare che sembra essere l'unico in grado di percorrere gli ultimi trenta chilometri che ci separano dal Campo nella Valle dell'Aktru, a quota 2130 m.  
All'inizio è una pista nei campi, molto simile a quelle della vicina Mongolia su cui ci eravamo abituati a pedalare, poi entriamo nella foresta di pini, la pendenza aumenta e il fondo peggiora, compare la neve, e da un ponte interrotto in poi capiamo perché questo mezzo è indispensabile! L'autista monta quattro catene sulle enormi ruote, ma spesso il mezzo sprofonda nella neve per via delle temperature anomale sopra lo zero! Sembra un miracolo raggiungere il campo col buio dopo mille manovre; l'applauso per l'autista è super meritato!  
Ad attenderci ci sono Vladimir e Nikolai, lì da qualche giorno per aprire e scaldare le casette; tutti sono cordialissimi e con loro si instaura subito un ottimo feeling, nonostante le difficoltà linguistiche. Prendiamo conoscenza del posto, ognuno spacchetta il proprio materiale e si sistema nelle rustiche ma accoglienti stanze in legno ben riscaldate dalle stufe a legna; cena tardiva e, finalmente, il meritato sonno dopo questa interminabile giornata (anche con il cambiamento di fuso sono comunque circa trenta ore che siamo in viaggio!). 

Clicca per ingrandire7 Aprile, alle otto del mattino ci ritroviamo per la colazione, un po' tardi per una gita primaverile, ma ci serviva proprio una bella dormita ... un veloce consulto sulle cartine e decidiamo per una gita di ispezione sul ghiacciaio Aktru Grande: obbiettivo il Lago Blu (sul percorso per la cima principale dell'Aktru) ed eventualmente una cima secondaria ad est di questo, in buona posizione per capire dove siamo e identificare le gite migliori per i prossimi giorni. 
Quando ci incamminiamo le nuvole si stanno diradando, man mano che saliamo la meteo si fa sempre migliore; alle 11 siamo già al Lago Blu, e il cielo è pure blu, cobalto. Non una nuvola e non un alito di vento, non resistiamo alla tentazione: si punta diretti alla cima principale dell'Aktru!  
Mancano ancora 1200 m di dislivello con un lungo sviluppo sul ghiacciaio, ma abbiamo con noi imbraghi, corde e tutto il materiale necessario; le giornate sono ormai lunghe, non possiamo non approfittare di una giornata perfetta come questa!  
Siamo fortunati: i crepacci sono ben chiusi, tutto fila liscio, alla perfezione. Non senza fatica ci ritroviamo felici sci ai piedi sulla cima ovest dell'Aktru (4007 m). La cima principale è leggermente più a est, 37 m più alta, ma implica una affilata cresta rocciosa ed un ripido pendio ghiacciato, la cima ovest invece è perfetta e si può sciare tutta! Parliamo via radio con i nostri accompagnatori russi che ci attendono al campo, faticano a capire dove siamo, troppo presto per la cima dell'Aktru: d'altronde ce la proponevano in due giorni con un campo al Lago Blu! 
Clicca per ingrandire
Passati i crepacci sotto la cima la discesa è semplice e piacevole, evitiamo il tratto fatto a piedi in salita su morena grazie ad un ripido canale che ha mollato al punto giusto, solo l'ultimo tratto per arrivare al campo ci fa tribolare un poco per via della neve molle, la temperatura è straordinariamente alta per la stagione.  
Il primo meritato happy-hour a base di speck, slinzeghe e grana ci aspetta, poi sperimentiamo la sauna a legna in dotazione al campo, che grazie a secchi di acqua calda e fredda da miscelare funge anche da doccia comune, una vera manna che ci ritemprerà e tonificherà ad ogni gita.  
Non abbiamo collegamenti che ci consentano di avere previsioni meteo: ci si alza la mattina e si guarda fuori dalla finestra, così ci corichiamo senza idea di cosa faremo domani.

Clicca per ingrandire8 Aprile, il sole splende: varrebbe la pena di fare una gita su un altro ghiacciaio, ma forse è meglio abbassare un po' il tiro per riprendersi  dal viaggio e dalla lunga gita di ieri, così propongo una gita "di ripiego", un canale che avevo adocchiato salendo con lo ZIL sulla dorsale in destra orografica della valle, prima dei ghiacciai. Scendiamo con gli sci qualche chilometro nella valle e poi imbocchiamo a destra il canale; man mano che saliamo realizziamo che si tratta di tutt'altro che un ripiego, bensì di un canale continuo per 1200 m di dislivello, con pendenza via via crescente. Arriviamo sulla cima a quota 3242 m, a sud ed ovest cime mozzafiato che farebbero la felicità di molti scialpinisti (se vi fossero strade di acceso!), a est in lontananza comincia l'altopiano verso la Mongolia, affascinante! L'esposizione è nord-ovest , in discesa la neve tiene alla perfezione, tranne gli ultimi cento metri dove sprofondiamo, ma non ci rovinano la stupenda giornata. Torniamo felici al Campo, dove la sauna ci aspetta! 
Un paio di amici Russi che erano venuti a valle del Campo per guardarci con il binocolo mentre sciavamo nel canale, non nascondono un poco di invidia; la cima pare non avere un nome, anche sulle carte è quotata ma senza nome, rimarrà dunque la "Q3242".

Clicca per ingrandire9 Aprile, il sole splende ancora: qualcuno vorrebbe riposare, Roger si lamenta che “la meteo ci è avversa” ... ma naturalmente sono tutti felici di rimontare sugli sci per una nuova sortita! 
Oggi la meta è il Kupol (3556 m), l’accesso è per il ripido ghiacciaio Aktru Piccolo ben visibile dal Campo: guardandolo frontalmente sembra più un couloir crepacciato, ma convinco i miei compagni a non fidarsi delle apparenze!  
Partiamo imbragati e con tutto il necessario per questo tipo di terremo, poi salendo troviamo tutti i corridoi che servono per sciare senza legarci, anche se qua e là si vedono molti buchi e i crepacci sono vicini; l’ambiente è sicuramente severo, ma è il fascino di questa gita. Un ultima strettoia di ghiaccio tra due crepacci ci dà accesso al pianeggiante ghiacciaio superiore, che percorriamo poi lungamente a sinistra (si incontra un vecchio bivacco abbandonato), la cima sembra vicina ma è un effetto ottico, ma senza premura, in questa giornata perfetta di cielo blu e senza vento ce la godiamo! Ancora lo sguardo spazia verso la Mongolia, e ammiriamo un po' compiaciuti la cima dell’Aktru che già abbiamo calcato.  
Clicca per ingrandireUn po' di cautela in discesa nelle zone crepacciate, e in men che non si dica ci ritroviamo ancora più gongolanti al Campo; poi il copione si ripete: happy-hour, riposo, sauna! 
Di sera in sera Tatiana e Anastasia migliorano la loro cucina, nonostante i limitati mezzi della rudimentale cucina (non c'è acqua corrente, Vladimir la porta a secchi dal vicino torrente), e dopo l’immancabile zuppa ci servono altre pietanze a base di carne di pecora, patate, verdure, riso, farro. Per festeggiare le bellissime gite i nostri soci “Trentini” sfoderano tre litri di Teroldego D.O.C. ed una grappetta che ha il suo perché!

Clicca per ingrandire10 Aprile, la meteo ci rema ancora contro, il cielo è ancora blu! Sarebbe il momento per un riposo, ma non vogliamo perdere nessuna occasione ... "carpe diem"! 
Ripartiamo imbragati per un giro che abbiamo immaginato sulla cartina sul ghiacciaio Aktru Destro, la cui parte inferiore è divisa in due rami da un roccione di oltre 3000m. La prima parte è semplice, per bei pendii a lato della morena, poi saliamo il ghiacciaio per il ramo nord, che sembra chiudersi in un anfiteatro di pareti e canali molto ripidi. Proviamo a traversare a sinistra  sul ramo meridionale del ghiacciaio , ma una zona di crepacci e ghiaccio scoperto ci ferma. La giornata sembra conclusa. Insisto un poco col gruppo per continuare sul lungo pianeggiante ghiacciaio superiore, con la speranza di individuare un canale percorribile, e ancora una volta la fortuna ci sorride! A metà vallata un canale sulla destra sembra fattibile, la neve è dura ma con l’esposizione sud-est pian piano sta mollando quel poco che basta per salire con i ramponi e fare poi una splendida sciata. Sulla cima, che scopriremo poi chiamarsi Radistov (3634 m), tira un'aria gelida, direi siberiana ... peccato perché da qui avremmo potuto velocemente concatenare il vicino Passo Maashei e il Pic Tamma (3736m), ma è andata di lusso anche così! 
Al caldo della stufa la sera è l’ennesimo brindisi, ormai abbiamo finito il Teroldego e la grappa, ma di birra e Vodka ce n’è ancora per qualche festeggiamento ...

Clicca per ingrandire11 Aprile, finalmente (!) un po' di bufera siberiana. 
Qualcuno deve aver fatto la danza della pioggia ieri sera, così oggi ci possiamo rigirare al caldo delle coperte. 
Si sistemano le foto, si studiano le cartine, una partita al "due", l'immancabile sauna,  il guardiano dell’altro Campo (poco a valle del nostro) ci viene a far visita: lui passa qui tutto l’inverno da solo ... insomma la giornata vola via senza accorgersi!

Clicca per ingrandire12 Aprile, la meteo è ancora incerta, i ghiacciai sono avvolti nelle nuvole e soffia il vento, ma abbiamo riposato abbastanza! Fissiamo la meta di oggi sulla cima che sovrasta il campo, l’Uchitel (3190 m), proprio di fronte alla Q3242, qui speriamo di essere sufficientemente al riparo dal vento. 
Black, il bel cane lupo del Campo, ci segue fin sotto la cresta rocciosa della cima, e poi in discesa. È la gita più semplice della nostra trasferta, sulla cima la meteo peggiora ma abbiamo il tempo per una bella discesa su neve trasformata. 
Siamo agli sgoccioli della nostra trasferta, abbiamo ancora una giornata a disposizione, per l’ultima gita potremmo ripercorrere la prima parte dell’Aktru e poi deviare a nord-est verso alcune cime intorno ai 3400 m, oppure verso il Passo Maashei e il Pic Tamma; purtroppo il ramo settentrionale del ghiacciaio Aktru Destro che ci interessava visitare non è in condizioni per poter essere percorso, mentre noi ci sentiamo abbastanza appagati dalle gite fatte. Decidiamo quindi per una giornata di turismo siberiano. D’altronde, chissà se e quando ci capiterà più di visitare queste remote regioni, e dunque vorremmo capire qualcosa di più!

Informazioni generali
Clicca per ingrandire
 
Il gruppo: Paolo Vitali & Sonja Brambati, Fedorini Salvadori, Franco Scotti, Renato Pizzagalli, Gianni Corti,  Franz Carrara, Ruggero Vaia, Denis e Vigilio Ganz, Bruno Piazzi.

Clicca per ingrandire

Regione: I Monti Altai sono una catena della Siberia meridionale, tra Mongolia e Russia, si estendono in parte  anche in Kazakistan e Cina. 

Clicca per ingrandire

Periodo consigliato: In pieno inverno (Dicembre/Febbraio) le temperature possono raggiungere i -40° C, quindi meglio aspettare l'inizio della primavera. Marzo/Aprile sono i mesi teoricamente migliori.

Clicca per ingrandire

Accesso: In aereo da Mosca a Barnaul o meglio Gorno-Altaysk, quindi furgone/pullman a Kuray. Per gli ultimi 30 km da Kuray al Campo nella valle dell'Aktru è indispensabile usare un mezzo militare 4x4 tipo ZIL 131.

Clicca per ingrandire

Visto: è necessario il visto turistico per la Russia, rilasciato dai Consolati Generali di Milano o Roma tramite agenzie turistiche con una lettera d’invito. A questo si aggiunge una particolare assicurazione medica riconosciuta, in genere rilasciata dalle stesse agenzie. Occorre anche registrarsi a Gorno-Altaysk per l'ingresso nella Repubblica dell'Altai.

Clicca per ingrandire

Cambio: in aprile 2014 il cambio corrispondeva a circa 50 rubli per 1 euro.  

Clicca per ingrandire

Cartografia: sul web è possibile trovare mappe militari russe in scala 25K e 50K.

Clicca per ingrandire

GPS: Sempre molto utile. Noi abbiamo usato un GARMIN OREGON 550T, su cui abbiamo caricato la scansione di alcune mappe locali con il metodo delle GARMIN Custom Maps, le curve di livello a 25m e le mappe stradali da OpenStreetMaps.

Clicca per ingrandire

Alloggi: In strutture turistiche nei dintorni di Gorno-Altaysk o Barnaul. Nella valle dell'Aktru vi sono due campi di chalet in legno rustici ma accoglienti: una cucina e sala mensa, le camere, una sauna a legna con locale per lavarsi con secchi di acqua calda/fredda da miscelare. Non vi è acqua corrente, le toilette sono turche a una cinquantina di metri dagli chalet. Il personale addetto mantiene il tutto, provvede al riscaldamento a legna, all'approvvigionamento dell'acqua e a cucinare. Per far aprire il campo Occorre appoggiarsi ad una agenzia locale.

Clicca per ingrandire

Indumenti: stesso equipaggiamento delle gite invernali sulle Alpi prevedendo temperature basse; un piumino e qualche indumento caldo per la sera. 

Clicca per ingrandire

Materiale:
ARVA, pala e sonda, ramponi e piccozza; i ghiacciai sono abbastanza crepacciati, occorre avere con sé materiale specifico (corda, imbragatura,un paio di chiodi da ghiaccio, moschettoni e cordini).


Clicca per ingrandire

Radio:
 Utile per mantenere un contatto con il campo durante le gite, se vi appoggiate ad una agenzia potranno fornirne loro una coppia.

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire13 Aprile, lasciamo il Campo Aktru con meteo ancora non completamente ristabilita. Salutiamo Serghei e Kolya come si salutano amici di lunga data, questa settimana è stata veramente intensa, e con tutti loro c'è stata veramente un'intesa perfetta! 
La discesa con lo ZIL 131 è ancora movimentata, ma nulla al confronto della salita. A Kuray approfittiamo del trasbordo dallo ZIL al pulmino per girovagare tra le case in legno del villaggio, cerchiamo di immaginare la vita qui per l’arco dell’anno, ma è veramente difficile! 
Sulla strada per Gorno-Altaysk ci fermiamo a visitare le incisioni rupestri di Kalbak-Tash, risalenti fino al neolitico, e per un frugale pasto in una “locanda”; arriviamo ormai al buio al nostro Hotel a Manzherok.

Clicca per ingrandire14 Aprile, giornata turistica con lo stesso tempo uggioso di quando siamo arrivati, e la meteo per i prossimi giorni è brutta; ma quanto siamo stati fortunati?!  
Risalendo il corso del fiume Katun ci rechiamo nel villaggio di Chemal e visitiamo il tempio dell’Apostolo Joanno Bogoslavski sull’isoletta di Patmos e le vicine case tipiche Kazake ; poi la centrale idroelettrica di Chemal, costruita nel 1936 e dismessa da una ventina d'anni; finiamo con una veloce visita a Gorno-Altaysk, ma la capitale  non ha molto da offrire. Chiudiamo in bellezza con una cena tipica kazaka a base di carne e vodka.

Clicca per ingrandire15 Aprile, l’autista del pulmino che dovrebbe portarci all’aeroporto alle 5 del mattino non si è svegliato!! Arriviamo al check-in all’ultimo minuto ... con il visto che scade e il prossimo volo tra due giorni rischiamo di rovinare la bellissima vacanza proprio all’ultimo, ma alla fine tutto fila lascio. 
Tirando le somme questa vacanza siberiana, che presentava moltissime incognite, si è rivelata una magnifica esperienza, ben oltre ogni pur ottimistica previsione! 
Un viaggio del genere non è solo una vacanza sciistica, ma un tuffo in una dimensione del tutto  diversa, un'esperienza completa che implica non poco adattamento, ma che arricchisce molto di più delle trasferte in luoghi magari sciisticamente fantastici, ma logisticamente più accessibili. Andare su un ghiacciaio sapendo di essere i soli umani nei 1000 chilometri quadrati circostanti genera uno stato di concentrazione inconsueto.  Il ricordo delle sciate è vivo e forte tanto quanto l’avvicinamento e le belle serate passate con gli amici russi. Sicuramente rimarrà indelebile nella nostra memoria! 

Paolo Vitali
 
Clicca la foto per ingrandirla
 
Cose che non dimenticherò
Il würstelone gigante della colazione appena dopo l'atterraggio; la terrificante velocità del pulmino con carrello lanciato sui 400 chilometri del Chuysky Trakt, la strada M52 da Gorno-Altaysk a Kuray; le 126 uova in 3 scatole 6x7 sul sedile dello ZIL 131 in balia degli scossoni tremendi (incredibilmente, alla fine solo due vittime); la stanzetta calda con i lettini comodi e soporiferi; la morbidezza delle poltrone nella sala; il profumo del burro da spalmare sul pane a colazione; le mestolate d'acqua calda nella banya; il blu del cielo altaico.  

Delle persone non dimenticherò: l'iperattività e l'insensibilità al freddo di Anastasia; l'animazione degli occhi chiari di Tanya nei momenti di difficoltà a tradurre; la limpida franchezza dell'arguto Vladimir; gli occhi spiritati del filosofo Kolya; il parlare severo, competente e rispettoso dell'alpinista Valery; l'intesa perfetta con tutti i compagni di viaggio; l'autorevolezza pedagogica di Paolo; la generosità incondizionata di Franz; l'assistenza competente di Franco, il nostro 'doc'; le battute e le sghignazzate di Bruno; gli aforismi alla dinamite di Rino; la disponibilità infinita di Gianni; la tranquilla forza di Renato; lo spirito di osservazione acutissimo di Denis; i racconti di varia umanità di Vigilio; il divertimento di Sonja con il criceto-pappagallo.

Ruggero Vaia
 
Clicca la foto per ingrandirla


Video

Mappa generale d’inquadramento
Altimetria e mappe ricavate da BaseCamp® WorldMap® rappresentano la traccia GPS rilevata usando Garmin® OREGON 550T
Mappa geberale d'inquadramento
Mappa generale delle gite
Mappa gite

 Testi, disegni e immagini  Copyright  ©  2014 Paolo Vitali – www.paolo-sonja.net